IMG-20151001-WA0009(1)

Librare visto da quattro studentesse dell’Istituto Giulio di Torino

Anche l’istituto I.I.S.Giulio fa parte delle scuole di Torino coinvolte nella sperimentazione di Librare. Ecco come tre studentesse della classe Terza C hanno commentato l’incontro di presentazione a cui hanno assistito.
Loro si chiamano Erica, Martina, Giulia e Doaa. Queste sono state le loro parole:
Eleonora Pantò del Csp e Dario Gonella di Celi hanno presentato l’intero progetto alla dirigente dell’istituto e a noi studenti della IIIC e della IVD dell’indirizzo tecnico turistico . Ci hanno raccontato la nascita dell’idea, lo sviluppo e il funzionamento dell’app pensata per socializzare la lettura e contribuire a diffonderla.
Librare ci è sembrato molto interessante. Eleonora Pantò ci ha spiegato che l’applicazione Librando è stata creata per permettere ai ragazzi di esprimere le proprie impressioni e opinioni su un libro mentre lo si sta leggendo. In questa app, i libri (intesi come singoli volumi cartacei) vengono trasportati in un mondo virtuale e trasformati in oggetti di cui è possibile tracciare la vita e gli spostamenti (grazie ad un codice posto dietro il libro). Potremo trovarci in Librando, leggere commenti, impressioni di nostri amici e magari discutere un po’. Allo stesso tempo si puo’ sapere anche dove si trova chi legge!
Librare serve per promuovere l’interazione tra i libri di carta e i contenuti digitali. Pantò ha insistito sul fatto che tutte e due le apps hanno come obiettivo quello di promuovere l’utilizzo degli strumenti digitali sia fra insegnanti che tra studenti, aumentando il valore culturale.
Dario Gonella ci ha poi fatto esplorare il sito Cbook. Abbiamo seguito percorsi e luoghi frequentati dai personaggi dei romanzi e visualizzato le schede in cui vengono indicate molte informazioni. Questo percorso ci ha piuttosto impressionati!
Siamo stati molto attenti e partecipi all’incontro seguendo tutti i passaggi per la registrazione all’app. Ora è sui nostri smartphone e siamo pronti per sperimentarla.